Paola De Rosa. Archè: dipinti e disegni d'architettura

Napoli - Galleria Serio
Dal 22 febbraio al 2 marzo 2018

a cura di: Danilo Russo





"L'arte autentica di oggi è legata all'attività sociale rivoluzionaria: la prima, al pari della seconda, tende alla confusione ed alla distruzione della società capitalista" (André Breton).
Gli obblighi sociali hanno fatto il loro tempo. Niente dovrebbe costringere l'uomo a privarsi della libertà, né la guerra né il contributo alla difesa nazionale.
La rivoluzione è nelle idee, scendere in strada con una rivoltella in pugno e sparare a caso tra la gente è una mostruosità che non colpisce più. L'ignavia è espressa dalla tranquilla indifferenza di coloro che per proprio tornaconto ignorano problemi ed ostacoli abdicando alla morale ed alle conseguenti scelte politiche e sociali. Dalla confusione etica che ne discende, si salvano solo talune attività spirituali e qualche paradosso.
Di esperienze esasperate, di prove d'amore, di sacrifici personali, di uomini pronti onorevolmente a morire per le proprie idee, la propria terra, il proprio popolo, nessuna traccia, o forse, raramente, solo un'ombra di esse.
Tutti credono di amare, tutti credono di individuare il nuovo, tutti ritengono di essere artisti. Illusi, o peggio falliti in altro.
Da un certo nichilismo intellettuale è derivata l'universale vigliaccheria di lottare contro i desideri dell'anima, contro l'omologazione, contro un certo sistema dell'arte.
Il Surrealismo non è stato un mezzo d'espressione nuovo o più facile, e neppure una metafisica della poesia; è stato lo strumento di assoluta liberazione dello spirito e di tutto ciò che gli è affine: una vera rivoluzione.
Tutto questo fa dell'arte contemporanea - la vera arte contemporanea - un grido dello spirito diretto a se stesso, deciso, nella disperazione, a frantumare le sue pastoie.
Paola De Rosa si mette alla prova e, con ingegno, non c'è ostacolo, barricata o proibizione che non riesca a superare o violare; liberato da catene, lo spirito, disordinato e folle, sfida i lenoni della penna e gli animi corrotti della Chiesa cattolica.
Indifferente alle possibili critiche, Paola usa il pennello come una biro, riconoscendo che la dialettica, ove capace di farsi interlocuzione fra l'artista e l'osservatore, sia utile ad interpretare l'amore, i sogni, la poesia, la follia dell'arte e della ragione.
Sorretta dalla fides, Paola si inoltra sulla strada dell'ignoto, convinta che dalla temerarietà non possa prescindersi per il raggiungimento di uno scopo o di un obiettivo.
Il mondo esterno viene negato a vantaggio di quello che l'individuo trova in sé: di qui l'importanza riconosciuta all'inconscio e alle sue manifestazioni, che trovano la loro traduzione in un linguaggio nuovo, in un linguaggio liberato. In base ad una profonda consapevolezza di sé, l'artista contrappone al mondo il proprio essere, pretendendo di piegare il primo al secondo.
Di qui, l'individualismo rivoluzionario insito nel suo pensiero. Paola vive in uno stato di furore, che è la condizione prima di una vera trasformazione della vita e che deve concludersi con la risoluzione delle contraddizioni all'interno di una surrealtà che comprende e supera il conscio e l'inconscio, l'uomo ed il mondo, il naturale e il sovrannaturale. La ricerca di tale stato viene condotta collettivamente e con tutti i crismi dell' esperimento tecnico-artistico.

Danilo Russo

Si ringrazia la casa vinicola Bigi SpA, sponsor della mostra.

Informazioni

Paola De Rosa. Archè: dipinti e disegni d'architettura


a cura di: Danilo Russo

Luogo: Napoli - Galleria Serio
Via Oberdan, 8 - Napoli

Periodo: dal 22 febbraio al 2 marzo 2018

Inaugurazione: giovedì 22 febbraio 2018, dalle 18.30

Orari: dal lunedì al sabato, dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 16.30 alle 19.30

Ingresso: libero

Info: tel. +39 0815523193 - info@galleriaserio.it - www.galleriaserio.it